Pulizia tartaro

Igiene dentale con pulizia del tartaro Melzo

Pulizia dentale o igiene professionale, detartrasi, ablazione o pulizia del tartaro: tutte queste espressioni indicano lo stesso importantissimo trattamento da eseguire presso lo studio dentistico almeno una volta ogni sei mesi.

Il tartaro è una massa composita dura (concrezione) che si forma sui denti in seguito alla mineralizzazione dei residui di placca non rimossi dalle normali manovre di igiene domestica. A sua volta, il tartaro che si concentra soprattutto sui colletti dentari impedisce di pulire correttamente la bocca, facilitando l’insediamento di batteri a livello sub-gengivale.

Non ci stancheremo mai di ripetere che una seduta di igiene orale professionale ripetuta a intervalli semestrali – o comunque secondo le indicazioni del dentista curante – è il modo migliore di proteggere la bocca da problematiche potenzialmente insidiose come carie, ascessi, gengiviti e parodontiti. Contatta lo studio dentistico Banfi di Melzo (MI) per sedute di igiene orale con ablazione del tartaro professionale.

Leggi tutto

Dalla placca al tartaro: come i batteri danneggiano la salute dei denti

Placca e tartaro sono formazioni che riguardano la superficie dei denti e sono strettamente correlate, ma si differenziano per caratteristiche e modalità di rimozione: la placca ha una consistenza vischiosa e può essere eliminata quasi integralmente con il semplice spazzolino, mentre il tartaro, duro e compatto, può essere raschiato solo dal dentista con l’ausilio di strumenti professionali.

Sottile patina invisibile a occhio nudo che aderisce ai denti, la placca è costituita da rimanenze di cibo, cellule in disfacimento, batteri e altre scorie metaboliche che si depositano soprattutto lungo il solco gengivale e tra gli spazi interdentali, facilitando l’instaurarsi di malattie gengivali e parodontali. Combinata con gli zuccheri alimentari, la placca batterica dà origine agli acidi che attaccano e danneggiano lo smalto, causando la carie.

Gli accumuli di placca che non vengono (completamente) rimossi con spazzolino, collutorio e filo interdentale, reagiscono con i minerali presenti nella saliva (mineralizzazione) e si trasformano in una concrezione dura di colore tra il bianco sporco-giallastro e il marrone-nero detta tartaro, che può essere eliminata solo dal dentista durante una seduta di igiene orale professionale. Nella zona di Melzo, Pioltello, Segrate e Cernusco sul Naviglio, per la pulizia del tartaro puoi rivolgerti allo studio dentistico del Dott. Banfi.

Depositi di tartaro sopra e sotto le gengive

Come abbiamo visto, la placca può essere considerata in un certo senso il primo stadio della formazione del tartaro: si tratta sempre di depositi di batteri sulla superficie dei denti, ma nel primo caso possono essere rimossi con l’igiene domestica, nel secondo devono invece essere trattati con appositi strumenti e tecniche ambulatoriali (ablazione del tartaro).

In entrambi i casi si tratta di formazioni batteriche favorite da un’igiene orale lacunosa o scorretta, ma anche stile di vita, età, condizioni di salute generale e predisposizione possono favorirne l’insorgenza. I depositi di tartaro generalmente sono visibili a occhio nudo, anche se le zone di accumulo possono renderne difficoltosa l’individuazione.

  • Il tartaro sopragengivale è la classica incrostazione dura bianco-giallastra che ricopre la superficie del dente e/o il bordo gengivale e può essere rimossa dal dentista con tecnica ablativa;

Il tartaro subgengivale, più insidioso del primo e dalla pigmentazione più scura dovuta alla contaminazione con il sangue, può essere individuato solo attraverso radiografie endorali e sondaggio parodontale, in quanto si forma sotto la gengiva, e in particolare nelle tasche gengivali che possono anticipare la malattia parodontale.

Pulizia tartaro Melzo: perché è importante eliminare la placca

Trascurare gli accumuli batterici che danno origine alla placca e in seconda battuta al tartaro può essere deleterio per la salute della bocca e dell’organismo, dando origine a diverse patologie e problematiche nel medio-lungo periodo. La presenza di placca batterica e accumuli di tartaro sui denti può infatti facilitare l’insorgenza di carie e malattie gengivali e parodontali.

  • Pulizia del tartaro e prevenzione della carie

La carie è una malattia dentale di origine batterico-microbica caratterizzata dalla disgregazione e distruzione dello smalto. Gli accumuli di placca e tartaro costituiscono un ambiente ideale per la proliferazione di batteri che, metabolizzando gli zuccheri, producono acidi in grado di corrodere lo smalto (carie di I grado, silente o asintomatica). Se non viene intercettata e curata per tempo, la carie può raggiungere la dentina sottostante, con formazione di cavità (carie penetrante) ed eventuale compromissione della polpa dentaria (gangrena e necrosi della polpa), e successive conseguenze molto dolorose e invalidanti.

  • Pulizia del tartaro e prevenzione della gengivite

La gengivite, infiammazione delle gengive molto comune nella popolazione under 35, è caratterizzata da arrossamento, gonfiore e sanguinamento delle gengive. Prima avvisaglia di un processo infiammatorio che, se trascurato, potrebbe causare problematiche parodontali più serie, anche la gengivite è causata dalla presenza di batteri e può essere risolta con un’accurata igiene orale.

  • Pulizia del tartaro e prevenzione della parodontite

Tra le possibili conseguenze dell’accumulo di tartaro sottogengivale, la parodontite è una delle più critiche. Malattia infiammatoria che attacca innanzitutto i tessuti molli della bocca, la parodontite può degenerare arrivando a distruggere i tessuti di sostegno del dente, fino a causare l’instabilità e la caduta degli elementi dentali coinvolti.

Effettuare la pulizia dei denti mediamente una volta ogni 6 mesi (salvo diverse indicazioni del medico curante) permette di mantenere sotto controllo lo stato della bocca, rimuovendo le calcificazioni di tartaro e ripulendo la superficie dentale da macchie e pigmentazioni. Lo studio dentistico Banfi di Melzo (MI) è a disposizione per sedute di igiene orale con ablazione del tartaro professionale.

Pulizia del tartaro Melzo: come effettuare la pulizia

Mentre la maggior parte della placca viene normalmente rimossa con le pratiche di igiene dentale domestica eseguite dal paziente dopo ogni pasto, il tartaro può essere eliminato solo dal dentista tramite appositi strumenti detti ablatori. L’igiene orale professionale o detartrasi consiste nella rimozione meccanica (ablazione) del tartaro sopragengivale e sottogengivale con appositi strumenti odontoiatrici.

La pulizia del tartaro non è particolarmente dolorosa, tanto che nella maggior parte dei casi non è necessario ricorrere ad anestetici. I pazienti con colletti dentari scoperti e accentuata sensibilità dentale possono tuttavia avvertire fastidio: in questi casi è possibile procedere a somministrazione di anestetico locale per rendere la procedura più tollerabile per il paziente.

L’ablazione del tartaro viene generalmente eseguita con un ablatore ad ultrasuoni, ovvero uno strumento dotato di punta metallica che vibrando permette di scollare il tartaro dalle pareti dentali. In alternativa e nei casi in cui l’ablazione a ultrasuoni sia sconsigliata (come nei pazienti cardiopatici con pacemaker e defibrillatori impiantati), la pulizia del tartaro viene effettuata con un ablatore manuale. Una volta eliminato il tartaro visibile e invisibile, il dentista applica una pasta a base di fluoro con uno spazzolino rotante che lucida e leviga eventuali asperità presenti sulla superficie dello smalto.

Pulizia del tartaro Melzo – Studio Dentistico Banfi

Recarsi periodicamente dal dentista per un’accurata igiene orale con ablazione del tartaro è la migliore strategia per prevenire la maggior parte delle problematiche e patologie del cavo orale. Durante la detartrasi il dentista ha cura di eliminare il tartaro visibile e non visibile accumulato sopra e sotto le gengive, effettuando dove necessario raschiamento radicolare e curettage delle tasche parodontali.

Nella zona di Gessate, Cernusco sul Naviglio, Segrate, Treviglio, Settala, Gorgonzola, Truccazzano, Liscate, Vignate, Paullo, Rodano, Cassano d’Adda, Inzago, Bellinzago, Albignano, Pioltello, Cassina de Pecchi, Rivolta, Pozzuolo Martesana e dintorni, puoi rivolgerti allo Studio Dentistico Banfi di Melzo (MI), a disposizione per effettuare sedute di igiene orale con eliminazione del tartaro e visita completa del cavo orale.

Effettuando l’igiene orale ogni 6 mesi circa è possibile intercettare sul nascere e/o prevenire diverse problematiche, proteggendo la salute della bocca. Lo studio dentistico del dr. Claudio G. Banfi si trova a Melzo, in via Lodi n. 17. Per info o appuntamenti, chiama il numero 02 95739551.

RICHIEDI UN APPUNTAMENTO

Autorizzo il trattamento dei dati secondo l'Informativa privacy ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003.

  ORARI DI APERTURA

Lunedì – Giovedì 9:00 – 11:00
14:00 – 19:00
Venerdì 9:00 – 12:00

  02 95739551

  DOVE SIAMO

Via Lodi, 17 Melzo 20066 (MI)
02 95739551
info@studiodentisticobanfi.it